Un blog per vendere all'estero

Vendere all'estero è una grande opportunità per le aziende italiane, tutte, specie quelle artigianali, piccole e medie.
In questo blog lavoreremo insieme per trovare la strada migliore e avere successo con facilità.

Tra vent’anni sarai più deluso delle cose che non hai fatto che di quelle che hai fatto. E allora molla gli ormeggi. Lascia i porti sicuri. Lascia che gli alisei riempiano le tue vele. Esplora. Sogna

Mark Twain.


martedì 10 luglio 2012

Verso Est: intervista a Ersilio Gallimberti




Export o internazionalizzazione? O spostamento della produzione in altri paesi? C’è una delocalizzazione intelligente? Quali i vantaggi per gli imprenditori?
Affrontiamo oggi questo tema con Ersilio Gallimberti che nel 2004 ha dato vita a “Est consulting“ un'agenzia che si occupa di affari esclusivamente con italiani in Rep. Ceca e Slovacchia.

Che cosa sono questi affari?
Molto semplice – ci informa Ersilio – costituisco ditte e società per italiani che desiderano operare in Rep. Ceca e Slovacchia, quindi in un'ottica di delocalizzazione o di penetrazione commerciale, oppure per continuare ad operare in Italia tramite filiale, e quindi in un'ottica di trasferimento di residenza fiscale e ottimizzazione fiscale “.

È un mercato interessante? Perché pensare a questi due paesi comunitari?
Oltre a costituire un interessante sbocco per i prootti italiani è utile considerare che Rep. Ceca e Slovacchia, godono di un regime fiscale estremamente attraente, (20 % di tassazione e stop), e di due economie in una fase up, estremamente ricettive quindi per ogni tipo di produzione”.

Come si esplica la tua attività ?
Imprenditori e privati mi contattano chiedendo parecchie informazioni preliminari. Vogliono essere dettagliatamente informati su tutte le procedure e il modo di operare. Ovviamente fornisco tutte le informazioni del caso, sempre nei limiti di quella che può essere considerata come una consulenza amichevole preliminare. Spesso loro stessi mi chiariscono subito se sono interessati alla delocalizzazione, al trasferimento di residenza o ad una penetrazione commerciale o a tutte e tre le cose messe insieme. Dopodiché da oltre un anno, alla normale attività di consulenza d'azienda, ho integrato anche l'intermediazione immobiliare. Propongo sul mio sito Est Consulting parecchie opportunità di investimento immobiliare come case, capannoni industriali, terreni e negozi, che hanno un regime di prezzo estremamente interessante e competitivo rispetto all'offerta immobiliare italiana.“


Perché allora, trasferirsi dall'Italia e andare in Rep. Ceca e Slovacchia, per costituire una società o per lavorare ?
L'Italia ormai è completamente ingolfata, e adopero volutamente un termine soft. E comunque il nostro mercato, quello italiano intendo, è completamente saturo di tutto. Probabilmente sono le conseguenze di una fase di ricchezza enorme, fase che fortunatamente altri paesi europei, come CZ e SK appunto, stanno vivendo proprio ora, e che può consentirci nuovamente di crescere esportando la nostra impareggiabile tecnologia, bellezza e know-how. E poi non dimentichiamo l'elemento tasse: in Italia con il 54 % di tasse le aziende non possono crescere! Vogliamo parlare poi del lato normativo, tra i più rigidi e complicati in assoluto? L'Italia ha perso completamente la bussola, ha dimenticato completamente qual è l'unica risorsa di sviluppo e ricchezza per un paese, e cioè il mercantilismo! Un paese per diventare ricco, ha storicamente bisogno di imprese ed imprenditori che creino lavoro, ricchezza e prosperità. Questo è un dato reale, storico, incontrovertibile. In Italia da 20 anni a questa parte, si sta facendo di tutto per soffocare la libera iniziativa, l'impresa privata, certamente non a favore di quella pubblica, che sta messa peggio, ma le imprese private sono oggi, in Italia, seriamente compromesse, e non si intravedono spiragli all'orizzonte. Ecco quindi che andare all'estero diventa una priorità, una necessità, un bisogno di sopravvivenza. Ed è normale che l'imprenditore vada dove c'è un sistema fiscale leggero, dove c'è rispetto per il suo lavoro e grande attenzione per le sue competenze. Io ho trovato queste condizioni in CZ e SK e mi fa piacere condividere questo mio punto di vista”

Quali aziende possono prendere in esame la tua proposta? E quali caratteristiche devono avere?

La mia proposta è fattibile per tutte le aziende, piccole, medie e grandi, gli artigiani e le varie categorie imprenditoriali. Non esistono caratteristiche principali di aziende o artigiani interessati a questo tipo di operazione. Si rivolge a tutti indistintamente

Che errori non vanno commessi in un'avventura di questo tipo?
Proprio perché non è un'avventura,nel senso negativo del termine, ogni scelta, ogni operazione va valutata nella maniera migliore possibile. In questo senso la competenza del consulente è fondamentale e tale competenza scaturisce dalla conoscenza totale e specifica del mercato in cui ci si accinge ad operare. Comunque riassumendo in una parola sola, l'errore fondamentale da non commettere è la superficialità.

Che cosa invece è necessario fare per iniziare con il piede giusto?
Avendo la completa consapevolezza del proprio know-how, proporlo a tutti i livelli e in tutte le varianti economiche possibili. I mercati cechi e slovacchi non devono essere più considerati esclusivamente come mercati di ripiego o valvola di sfogo per produzioni sorpassate o obsolete. Vanno considerati come mercati altamente ricettivi nell'ottica della ricerca della qualità e della valutazione positiva complessiva dell'impresa e del prodotto. Oltre a questo, un ulteriore fattore di attrazione è dato proprio dal fatto della natura di economie emergenti e in fase di crescita, che li porta quindi ad essere particolarmente ricettive per produzioni considerate “non strategiche“ sul mercato italiano.

Come seguire correttamente il progetto ?
E' necessaria la presenza in loco di un addetto alla produzione, almeno per un periodo iniziale. La sua presenza è fondamentale per l'apporto conoscitivo e metodologico che riuscirà ad apportare alle maestranze. Quando tutto sarà impostato nel modo corretto e voluto, tutto scorrerà liscio come l'olio. E senza problemi di nessun tipo. Questo è anche il bello di operare in Rep. Ceca e Slovacchia, dove il lavoro e la capacità imprenditoriale vengono premiate e sostenute.

Bene Ersilio, grazie di questa chiacchierata. Vuoi concludere dicendo qualcos'altro ?
Grazie a te ed ai tuoi lettori, un saluto ed un invito a visitare il mio sito : Se avete qualche dubbio non esitate a contattarmi, e volentieri Vi risponderò con piacere.

3 commenti:

  1. Dimostri, ancora una volta, in questa intervist chiaramente pilotata, la tua ignoranza sia dal punto di vista strettamente sintattico ,sia dal punto di vista professionale.Te ne dico una per tutte. La Repubblica ceca, secondo tutti gli indicatori europei e' in una fase di decrescita e non come millanti tu , in una fase di espansione.La Rep. Ceca è stata la nazione che ha perso piu' prodotto interno lordo in europa durante il primo trimestre 2012, seconda solo all'Italia. Potrei infierire citando tutte le altre castronerie che puoi raccontare a chi non conosce quelle realta' ma non a me che le conosco molto bene.
    Signori diffidate da questo ciarlatano se mai qualcuno leggera' questa intervista (cosa che io dubito=

    RispondiElimina
  2. Carissimo Paolo, come vedi uno dei motivi del perché l'Italia va male è anche questo : l'invidia e la cattiveria. L'invidia per chi tenta di fare impresa, con mille ostacoli e balzelli, e la cattiveria per chi riesce a farcela nonostante tutto remi contro.
    A questo anonimo vigliacco, insolente ed ignorante, rispondo con i numeri con i quali mi confronto quotidianamente nell'espletamento della mia attività.
    Ricordo che sono “sulla piazza” da anni, con nome, cognome, indirizzo e il mio bel faccione. Continuo, e poi mi fermo, affermando che l'economia ceca rimane in una fase di crescita nonostante la fase recessiva economica mondiale e che, per chi non fosse avvezzo ai numeri e alla loro analisi, modeste variazioni percentuali di PIL su un ristretto valore di popolazione (popolazione CZ 2012 circa 12 Milioni) rappresentano un limitato decremento/incremento di produzione e potere d'acquisto. Viceversa su un campione di 60 milioni di abitanti ca, (popolazione italiana), rappresentano un enorme fattore di decremento. Sono completamente disponibile ad incontri pubblici per esplicitare tutto ciò.
    Io non vendo fumo, e su tutto quello che faccio ci metto la faccia !


    PIL CZ 2012 previsione : http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-1006182/repubblica-ceca-pil-salita/

    Wikipedia PIL CZ dal 91' in poi : http://it.wikipedia.org/wiki/Economia_della_Repubblica_Ceca

    PIL CZ 2011 fonte Ministero affari esteri e Ministero sviluppo economico italiani : http://www.rapportipaesecongiunti.it/rapporto-congiunto.php?idpaese=37

    Franceschini su Repubblica il 7 giugno 2012 : http://www.repubblica.it/speciali/calcio/europei/polonia-ucraina2012/2012/06/07/news/europei_economia-36733728/

    Report CZ di Ministero affari esteri con tabella di comparazione Italia + focus turismo : http://www.esteri.it/MAE/pdf_paesi/EUROPA/Repubblica_Ceca.pdf

    PIL Italia 2011 : http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-03-02/2011-rapporto-debito-sale-111324.shtml?uuid=Aa9Xfl0E


    PIL mondiali tabella focalizzare CZ e Italia : http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_stati_per_PIL_%28PPA%29_pro_capite


    PIL Italia 2011 report Banca d'Italia : http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/econo/bollec/2012/bolleco67/bollec67

    RispondiElimina
  3. All'anonimo dico:
    1) se vuoi dare un contributo fattivo alla discussione, innanzitutto non nasconderti dietro l'anonimato e il silenzio.
    2) prima di accusare gli altri di "pilotare" le interviste -a proposito che cosa vuol dire? che l'intervistato propone la propria professionalità? E che cosa ci sarebbe di male?- pensaci su due volte e porta dei fatti concreti di malafede da parte del blogger
    3) se fosse vero quello che dici, porta dei fatti e se ne può discutere. Ovvio che mi fido di Ersilio, che se non altro ci mette la faccia, ciò non toglie che ci possono essere altri punti di vista: se vogliamo discutere, usiamo le norme del garbo e della correttezza che si deve usare tra persone per bene
    4) infierisci allora, cita, elenca, altrimenti il dubbio che resta a tutti noi è di un intervento pilotato e strumentale senza fondamento

    Visto questo tipo di post che esecro nello stile, vi devo costretto a porre in atto la moderazione dei commenti. Spero che tutti comprendano le ragione.

    Per la precisione questo post è stato ad oggi visto da 122 persone è a ricevuto +4 su Google +

    RispondiElimina